Impianti di Videosorveglianza

installazione impianti videosorveglianza

Villa Impianti progetta e realizza impianti di videosorveglianza per la casa e videosorveglianza per attività commerciali e industriali.

Dovunque ci muoviamo, vediamo telecamere, nascoste o palesi, agli angoli delle strade, nelle piazze più importanti delle città, negli incroci più trafficati, nelle stazioni ferroviarie; ovunque c’è un occhio più o meno discreto che vigila e registra quel che accade, così da avere memoria e quindi prove che consentono di raggiungere la verità qualora si verifichino fatti illeciti.

Inoltre oggi grazie all’Intelligenza Artificiale di tipo IDL (Intelligence Deep Learning), la videosorveglianza diventa intelligente e riesce a distinguere gli elementi che si trovano all’ interno della scena ripresa che siano persone, animali o altro.

La videosorveglianza a circuito chiuso è certamente argomento di grande attualità: un mondo in grande espansione e nel quale si profondono da anni intensi sforzi mirati a concepire apparati sempre più avanzati.

Video sorveglianza con intelligenza artificiale integrata

Grazie all’Intelligenza Artificiale di tipo IDL (Intelligence Deep Learning), la prima ed unica certificata, AYLOOK è un dispositivo in grado di interagire con qualsiasi tipologia o marchio di telecamera, con qualsiasi risoluzione, rendendola intelligente: consentendole cioè di riconoscere gli elementi ripresi ed inviare precise segnalazioni d’allarme solo in caso di pericolo effettivo e prima ancora che avvenga l’intrusione.

Videocitofonia digitale

Vi proponiamo l’installazione di una gamma completa di Sistemi di Videocitofonia Digitale con la possibilità di memorizzare immagini con data e ora della chiamata citofonica e il trasferimento della stessa a telefono cellulare.

Abbiamo tutti il diritto di sentirci al sicuro nella nostra casa o attività lavorativa e uno dei metodi più utilizzati per poter identificare subito le persone che entrano ed escono dall’edificio é proprio
l’installazione di un impianto di videosorveglianza.
A quali scopi venga installato un impianto del genere è di facile risposta: i furti e gli atti vandalici negli appartamenti, negozi e luoghi di lavoro sono purtroppo all’ordine del giorno ed avere un sistema in grado di riprendere ogni cosa è sicuramente un metodo che identifica e scoraggia i malintenzionati.

telecamera per videosorveglianza

Esistono in commercio varie tipologie di impianti di videosorveglianza, ognuno adatto a specifiche esigenze – casa, negozio, azienda, aree esterne – e, chiaramente, con dispositivi e prezzi differenziati.
1. Telecamere a circuito chiuso (TVCC), sono telecamere che trasmettono le immagini a monitor e possono avere dei raggi infrarossi per la visione notturna e dei sistemi meccanici per metterle in movimento.
2. Videosorveglianza con sistema wifi. Si tratta di telecamere senza cavi di
collegamento. In questo caso non occorre fare cablaggio perchè le telecamere funzionano tramite internet wifi.
E’ questa la combinazione perfetta. Uno dei molti vantaggi offerti dalla tecnologia di videosorveglianza IP rispetto ai sistemi video analogici è rappresentato dal fatto che i video digitali sono trasmessi mediante le normali reti Ethernet o wifi utilizzando il protocollo Internet. I video digitali possono quindi essere trasmessi tramite qualsiasi connessione di rete a banda larga, ad esempio via cavo, tramite fibre ottiche o reti wireless.

Vantaggi della videosorveglianza wireless:
• Assenza di cavi: viene eliminata l’esigenza di costosi lavori di installazioni.
• Installazione semplificata: grazie al numero limitato di cavi da installare, i tempi di completamento dei progetti risultano notevolmente inferiori con conseguente riduzione dell’interruzione delle attività lavorative dell’azienda.
• Costi di trasmissione ridotti: non è necessario l’utilizzo di costose linee fisse.
• Monitoraggio da remoto: consente di eseguire il monitoraggio da postazione remote su grandi distanze.
• Applicazioni mobili: le immagini video, sia in diretta che registrate, provenienti dalle telecamere di videosorveglianza possono essere visualizzate tramite reti mobili.

3. Impianto di videosorveglianza classico. Meno costoso, occorre installare dei sistemi filari a cui collegare una o varie telecamere. Può essere collegato anche un sistema computer – web cam.
4. Impianto per le parti comuni del condominio. L’impianto deve essere installato a
norma, seguendo le regole dell’Authority. le telecamere vengono installate tramite LAN o cavo schermato e in un locale comune poi viene inserito lo schermo video che mostra le riprese.

E’ possibile l’ampliamento di un sistema già installato con telecamere di videosorveglianza: questi sistemi sono la soluzione ideale anche per le aziende e i negozi/attività commerciali in crescita che possono essere facilmente ampliati mediante la semplice aggiunta di una telecamera alla volta.

videosorveglianza

Il sistema di videosorveglianza può essere di due tipi:
1. Privato, ossia per video sorvegliare l’ingresso del singolo appartamento o posto auto/box.
2. Condominiale, per tenere sotto controllo le aree comuni condominiali.
Nel primo caso, ossia di un impianto di videosorveglianza privato (anche, ad esempio un videocitofono), non occorre applicare le norme previste dal Codice sulla Privacy, – che vi specifichiamo più sotto- purché ovviamente le telecamere riprendano solo il proprio ingresso e non la strada o altri ingressi.
Nel secondo caso invece, quando si tratta di un impianto di telecamere sulle aree
comuni condominiali, occorre seguire le norme dettate dal Codice sulla Privacy, quindi bisogna segnalare la presenza delle telecamere con appositi cartelli, le registrazioni devono essere cancellate dopo 24/48 ore.
Inoltre, le telecamere devono riprendere solo le aree da controllare e devono essere dotate dispositivi di sicurezza ad accesso consentito solo ai tecnici (e ai proprietari).
Ovviamente in entrambi i casi i dati raccolti non devono essere diffusi o essere usati per altri scopi diversi da quelli della sicurezza.

Le Linee Guida 3/2019 in materia di Videosorveglianza sia privata che pubblica forniscono indicazioni sui sistemi privati ed aziendali a norma del GDPR.
Sono state divulgate a Febbraio 2020 per dare le indicazioni a cui attenersi sul trattamento dei dati personali attraverso dispositivi video, nella versione 2.0, cioè quella dopo la consultazione pubblica durata quasi 12 mesi.
Esse hanno l’obiettivo di fornire informazioni su come applicare il GDPR in relazione al trattamento dei dati personali attraverso dispositivi video: lo scopo è presentare un quadro completo e offrire delle regolamentazioni anche per casi specifici. In particolare si punta ad evitare qualsiasi uso improprio della videosorveglianza per scopi completamente diversi e impropri, rispetto allo scopo originariamente assegnato al sistema.
Negli ultimi anni, infatti, le tecnologie legate alla videosorveglianza hanno visto una crescita costante delle performance grazie anche alla crescente implementazione dell’analisi video intelligente. La protezione dei dati e della privacy diventa quindi una priorità.

Vediamo dunque, sinteticamente, alcuni aspetti toccati dalla normativa.
• Campo di applicazione: esenzione per finalità domestiche
Nella sezione relativa (punto 2), le Linee Guida specificano che NON rientrano nel campo di applicazione del GDPR i trattamenti dei dati per finalità domestiche e familiari.
Attenzione però: le riprese domestiche non possono essere divulgate in rete senza il consenso degli interessati. Nel caso in cui si decida di monitorare il proprio giardino, se la proprietà è recintata e l’accesso limitato al controllore stesso e la famiglia, allora rientra nell’esenzione.
La videosorveglianza NON si deve però estendere (neanche parzialmente) a uno spazio pubblico (per esempio un giardino condominiale) o a una proprietà vicina.

Impianti videosorveglianza luoghi di lavoro come industria e processi industriali

Alcuni esempi di aree in cui possono essere installati impianti di videosorveglianza in ambienti lavorativi:

  • Sala Controllo. Il monitoraggio dei processi di produzione è particolarmente utile in stabilimenti chimici o di frantumazione di pietrame che presentano rischi per la sicurezza del personale. L’uso di un sistema di videosorveglianza che trasmette immagini a una sala controllo consente al personale dello stabilimento di individuare eventuali guasti dei macchinari senza alcun rischio di inalare polveri o fumi tossici.
  • Linee di produzione e robot. Le telecamere che controllano le linee di produzione automatiche o i sistemi robotizzati possono essere programmate per inviare notifiche per e-mail nel caso in cui si verifichino situazioni anomale.
  • Carico e scarico di materiali. I costi complessivi derivanti da piccoli furti di materie prime e prodotti finiti possono diventare un enorme problema nel tempo. In questo caso l’impianto di videosorveglianza funge da deterrente.

Telecamere in zone pubbliche, private e attività commerciali

cartello avviso videosorveglianza

È possibile effettuare registrazioni nel caso in cui le riprese riguardino attività commerciale o zone private. L’installazione è comunque consentita solo previa adeguata valutazione preventiva dei rischi e delle opportunità e sempre nel pieno rispetto dei diritti dei lavoratori.
E’ necessario ottenere l’Autorizzazione all’ installazione dell’ impianto di videosorveglianza da parte dell’ Ufficio Territoriale del Lavoro di competenza e, a tal proposito, ricordiamo che VILLA IMPIANTI si occupa di tutte le procedure di compilazione e trasmissione dell’Istanza con cui va richiesto.
Le telecamere che registrano riprese in zone pubbliche sono installabili, invece, solo dalle pubbliche amministrazioni. Se un privato procede con l’installazione di telecamere private su strade pubbliche entra in contrasto con la normativa.

• Riconoscimento facciale
Una nota a parte è dedicata alla divulgazioni di riprese relative a dati biometrici e riconoscimento facciale. In questo caso la norma è molto severa e restrittiva anche per le pubbliche amministrazioni, che necessitano di un confronto con l’Autorità nazionale per potersi attivare.
L’utilizzo della funzionalità di riconoscimento biometrico installata da soggetti privati per i propri scopi (marketing, statistica o anche sicurezza) richiede, nella maggior parte dei casi, il consenso esplicito di tutti gli interessati.

• Obblighi di trasparenza e di accesso
Nel punto 7 troviamo esplicitati gli obblighi di trasparenza ed informazione: la normativa europea specifica che, nel caso di impianti finalizzati alla tutela del patrimonio o di persone in generale, l’interessato soggetto alle riprese ha il diritto di ottenere in modo tempestivo informazioni sul trattamento e può richiedere la cancellazione del filmato. Fanno eccezione gli impianti pubblici che effettuano controlli di sicurezza, regolati dal d.lsg 51/2018.

Per visionare il testo completo e scaricare le Linee Guida 3/2019 sul trattamento dei dati personali attraverso dispositivi video.

E’ possibile l’ampliamento di un sistema già installato con telecamere di videosorveglianza: questi sistemi sono la soluzione ideale anche per le aziende e i negozi/attività commerciali in crescita che possono essere facilmente ampliati mediante la semplice aggiunta di una telecamera alla volta.

Sistemi di videosorveglianza in asili nido, scuole dell’infanzia e case di riposo
( Legge 55/2019)
Con il Decreto sblocca cantieri, D.L. 32/2019 convertito con la Legge 55/2019 pubblicata sul Gazzetta Ufficiale n. 140 del 17 giugno 2019, è diventato obbligatorio installare l’impianto di videosorveglianza in asili nido e scuole dell’infanzia, pubbliche e private, strutture socio-assistenziali per anziani, disabili e minori in situazione di disagio, convenzionate o non con il Servizio Sanitario Nazionale, nonché quelle gestite direttamente dalle Aziende Territoriali Locali a carattere residenziale e semiresidenziale.
Le strutture obbligate, e quelle private, devono dare comunicazione di aver ottemperato al dispositivo all’amministrazione comunale in caso di asili nido, e alle strutture sanitarie locali in caso di strutture socio assistenziali.

E’ stato istituito un fondo di 15 milioni di euro per il periodo che andrà dal 2020 al 2024, che servirà anche ai Comuni per installare telecamere ed apparecchi per la conservazione delle immagini registrate.
La legge prevede che le immagini, cifrate al momento dell’acquisizione già all’interno delle telecamere, siano visionabili solo dalle Forze dell’Ordine e solo dietro formale denuncia.
Esse dovranno essere custodite su server locali, non collegati alla rete internet, in modo da ridurre al minimo le possibilità di data breach.
Ciò rende la visione delle immagini riservata esclusivamente alle autorità, soluzione già in uso in diversi asili privati, mettendo d’accordo il Legislatore ed il Garante Privacy.
L’obiettivo è garantire la sicurezza dei soggetti che, nel caso di violenza e maltrattamenti non possono o non riescono a comunicare. Tuttavia non è l’ unico obiettivo di questa legge sulla videosorveglianza: bisogna anche garantire la privacy di chi lavora in queste strutture. Per poter installare un impianto di videosorveglianza è necessario procedere alla redazione di una valutazione d’impatto privacy – DPIA, strumento introdotto dal regolamento UE 2016/679 GDPR, e, qualora fossero presenti lavoratori richiedere e ottenere l’autorizzazione dell’Ispettorato del Lavoro o l’accordo con la rappresentanza sindacale, se presente in azienda.
Ricordiamo, infatti, che non è sufficiente il consenso del lavoratore all’installazione dell’impianto di videosorveglianza sul luogo di lavoro, come ribadito in ultimo dalla Corte di Cassazione (III sez. penale 38882/2018), in quanto lo squilibrio tra le posizioni del lavoratore e del datore di lavoro non rende libero il consenso espresso dal primo.

Bonus Videosorveglianza 2020: Come ottenerlo?

Il bonus videosorveglianza è una delle misure presenti nel bonus ristrutturazioni che danno modo di ottenere delle detrazioni fiscali del 50%. Anche per l’anno 2020 grazie alla legge di bilancio è stata approvata la proroga per il bonus fiscale che consente di fruire del credito d’imposta per l’installazione di sistemi di videosorveglianza o antifurto o a quegli individui che hanno stipulato contratti con istituti di vigilanza.

Famiglia e casa protette con le detrazione del 50%
Proteggere la propria famiglia e la propria casa resta uno dei più importanti obbiettivi che ognuno di noi vuole raggiungere. Per agevolare la conquista di questa meta e prevenire le attività criminali, è stata prorogata per tutto il 2020 il bonus antifurto previsto nella legge di stabilità.
Si potrà quindi usufruire di una detrazione fiscale del 50%, a seguito dell’installazione di un impianto di allarme e videosorveglianza atti a garantire la sicurezza da furti, aggressioni e sequestri in casa o appena fuori dall’abitazione (atrio, giardino, terrazzo, …).
Vi ricordiamo che, però, garantire la sicurezza non è sufficiente. Per poter accedere al bonus è necessario rispettare queste 6 semplici regole:
1. Impianto di allarme e videosorveglianza deve essere installato da un professionista del settore
2. Pagamento deve avvenire esclusivamente attraverso Bonifico Parlante
3. Dovete essere un privato cittadino assoggettato all’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche)
4. Dichiarazione dei Redditi deve riportare la spesa e indicare i dati catastali dell’immobile dove è stato installato l’impianto
5. Dovete essere in regola con i pagamenti di TASI e/o IMU (potrebbero venire richiesti da un eventuale controllo)
6. Ricordatevi di conservare tutti i documenti relativi ai lavori (potrebbero venire richiesti da un eventuale controllo)

 

 

 

 Villa Impianti

Installa e mantiene impianti di videosorveglianza con un servizio assistenza attivo h24 7 giorni su 7

logo aylook

LA PRIMA VIDEOSORVEGLIANZA CON INTELLIGENZA ARTIFICIALE IDL INTEGRATA CON L’ANTIFURTO.

LA NOSTRA, E VOSTRA, RICERCA E’ TERMINATA. Cercavamo una soluzione di videosorveglianza intelligente costruita in Italia in grado di riconoscere gli elementi all’ interno della scena ripresa e prima...
videosorveglianza

VIDEOSORVEGLIANZA E NORMATIVA UE: LE LINEE GUIDA EUROPEE VERSIONE 2.0

Le Linee Guida 3/2019 forniscono indicazioni sui sistemi privati ed aziendali a norma del GDPR e possono trovare applicazione indiretta anche per impianti finalizzati alla sicurezza pubblica. Sono...
telecamera termica sicurit alarmitalia

TELECAMERE TERMICHE ED INTELLIGENTI: VOGLIAMO ESSERE SEMPRE UN PASSO AVANTI NELL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA

I tradizionali sistemi di sicurezza PER ESTERNO sono soggetti a condizioni atmosferiche e difficilmente raggiungono 24 ore di immagine costante. Per questo motivo abbiamo deciso di installare le...
telecame per legge News

APPROVATO EMENDAMENTO PER VIDEOSORVEGLIANZA SCUOLE DELL’ INFANZIA, CASE DI CURA E DI ASSISTENZA PER ANZIANI E DISABILI

  E’ ora obbligatorio installare le telecamere di sorveglianza in tutte le aule degli asili, così come nelle strutture di assistenza e cura di anziani e disabili.   La novità viene...
Villa Impianti legge TVCC 13 Maggio 2019

La Cassazione: “Un privato può installare telecamere sulla strada”

  Via libera alle telecamere installate sulle mura perimetrali esterne di palazzi e singole abitazioni, e puntate a riprendere quello che accade nella pubblica via: i cittadini che le...
villai impianti telecamere asili lombardia

Ok alla legge per le telecamere negli asili nido

Con 57 voti favorevoli e 16 contrari il Consiglio regionale ha approvato una proposta che punta a "benessere e tutela dei minori che frequentano nidi e micronidi" Telecamere negli asili nido e nelle...
villa impianti tecnoalalrm foto console

Novità Tecnoalarm

Tecnologia, affidabilità, semplicità di utilizzo, design .Per queste caratteristiche comuni a tutti i sistemi e componenti Tecnoalarm, la Villa Impianti ha scelto da tempo questo fornitore per le...
Assistenza H24 7/7

Villa Impianti assistenza
347 426 3069

installatore certificato Securindex

Intervista a Ronny, titolare Villa Impianti realizzata da confartigianato imprese Varese

Soluzione flessibile: GRENKE

Il momento è ADESSO per scegliere la sicurezzal’efficienza tecnologica per la tua attività con noleggio operativo.

scopri di più >

 

Richiesta di contatto

Accettazione Privacy

Indirizzo

Sede legale ed Amministrazione:
Piazza Trieste 88,  Cislago (VA)
Direzione, Ufficio Commerciale, Magazzino e Showroom:
Via Cesare Battisti 58, Castiglione Olona (VA)
Ufficio, Magazzino e Succursale:
Via Dante Alighieri 71,  Castelnuovo Scrivia  (AL)

Telefono

Tel: 02 964 086 24

Email

info@villaimpianti.com